• Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • wild_giovanniraspini
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • Processed with VSCOcam with p5 preset
  • giovani_raspini
  • IMG_0576
  • giovani_raspini

Metti una sera con Giovanni Raspini, i suoi gioielli e i suoi disegni

Una collezione di idee creative rappresentata in 30 tavole che compongono lo scrapbook dell'argentiere toscano Giovanni Raspini, tutto in una mostra...

di Samantha Lamonaca

La sobrietà non è un aggettivo conosciuto in casa Raspini, ma l’eleganza e la creatività, sì, lo sono. Ieri sera siamo stati all’inaugurazione della mostra WILD: Segni e gioielli animalier. Trenta tavole esposte in una sala altrettanto elegante di Palazzo Serbelloni, a Milano, trenta tavole che esprimono in disegni e pitture le collezioni e le idee creative dell’argentiere toscano. Un libro degli schizzi, un album dove si sovrappongono idee, progetti, colori ma anche materia, fotografia e appunti. Un omaggio sincero alla libertà e all’immaginazione di Giovanni Raspini. La mostra apre oggi al pubblico, e si potrà visitare gratuitamente fino al 5 febbraio 2016. Quello che più si nota sono le riflessioni dell’artista, impresse su carta, che diventano progetti e infine gioielli. Altre volte, invece, queste riflessioni rimangono lì, come uno schizzo che testimonia un momento o un’idea. Ecco come nascono le collezioni di questo brand lussuoso con il cuore toscano ma con un’anima che, da quasi cinquant’anni, ricerca uno stile puramente personale, eccentrico e forte.

Info: Giovanni Raspini

29 gennaio – 5 febbraio dalle ore 10.00 alle ore 18.00;
Palazzo Serbelloni, Corso Venezia 16

 

Samantha Lamonaca View more

Volevo solo fare la giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *